Contact
Subscribe to our newsleter
Free Design Software
rfq rfq

DATI DEL PROGETTO

  • Nicosia
  • Cipro
  • Architetto :
    Maratheftis Yiannouris - Architects Engineers
    Project Architect: Pavlina Kalatha - Cipro
  • Realizzazione: 2006-2007
  • Committente :
    Ikea
  • Ingegneria :
    Consulenza progettazione concettuale e esecutiva: Redesco Srl - Ing. Gian Carlo Giuliani - Italia
  • Realizzazione :
    General Contractor: Iordanou Loizos Ikodomikes Epichirisis
    Impresa di Costruzione: Vert & Blanc - Cipro
    Costruttore metallico: C+P Industriebau GmbH & Co. KG-Germania
  • Fotografo :
    Redesco Srl

APPROFONDIMENTI

Centro Commerciale Ikea a Cipro


Il nuovo centro commerciale Ikea completato nel 2007 a Cipro è stato realizzato secondo il concept che caratterizza tutti gli edifici Ikea del mondo, ed è caratterizzato dall’impiego di travi alveolari a grande luce ACB® prodotte da ArcelorMittal e da una struttura metallica a vista priva di rivestimenti di protezione all'incendio, la cui sicurezza è dimostrata grazie al calcolo con il metodo del "fuoco naturale".

L’edificio dal punto di vista architettonico è composto di tre parti: il centro commerciale, costituito da due blocchi affiancati e da un parcheggio interrato, un ulteriore parcheggio interrato completamente staccato dal corpo principale e infine, un edificio per uffici e servizi. Le strutture che compongono queste tre parti sono separate fisicamente da giunti.

La struttura
Dal punto di vista strutturale, gli edifici, che devono resistere anche alle sollecitazioni sismiche, presentano telai tridimensionali compositi in acciaio-calcestruzzo, integrati con controventature orizzontali e verticali disposte rispettivamente nel tetto e lungo le facciate.

Colonne e setti in calcestruzzo sorreggono il piano terreno con appoggi multi-direzionali a neoprene cerchiato, dischi in PTFE e acciaio inossidabile disposti al contorno e con appoggi fissi posizionati, invece, nelle zone centrali.

I due livelli superiori hanno una struttura composta acciaio-calcestruzzo, con colonne e travi in acciaio e solai in lamiera grecata e getto di calcestruzzo collaborante. Le travi principali e secondarie sono continue, rispettivamente con luci di 8 e 16 metri; la soletta in lamiera grecata è ordita con luce 4 metri fra le travi secondarie. La copertura presenta una struttura composta da travi principali del tipo IPE 750x137 continue, con luci di 16m, e una struttura secondaria in travi alveolari ACB® a doppia pendenza, disposte con un interasse di 8m e che sono continue su luci di 24 e 16m.

Le travi alveolari sono state realizzate secondo la tecnica brevettata ArcelorMittal a partire da profili laminati a caldo ad H (HE650AA), ossitagliati e poi saldati in determinati punti, ottenendo travi con un altezza finale di una volta e mezza quella iniziale (999mm) e grandi fori circolari.

La scelta delle travi alveolari ACB© per la copertura,  è stata qui dettata dalla convenienza economica che offre il sistema, leggero e resistente, per coprire le grandi luci. La soluzione ACB© si è dimostrata infatti vincente rispetto all’altra ipotizzata, con profili in acciaio ad anima piena con sezione alta 900mm (HE900AA): sebbene le travi alveolari richiedano alcuni costi di trasformazione in officina, il guadagno in peso –e dunque il risparmio di materiale- a parità di luce e carichi agenti sulla trave, è stato davvero significativo (123,3 Kg al metro lineare delle travi alveolari contro 198 kg dei profili HE900AA ). La copertura è infine completata da pannelli posati su lamiere grecate alte 205 mm.

Una piattaforma per impianti, con sezione trasversale ad U e travi reticolari si sviluppa sopra una parte del tetto con luci tipiche di 24m e larghezza 16m; le travi reticolari sono costituite da due tronchi saldati in stabilimento e collegati a piè d’opera attraverso dei perni.

I nodi della struttura sono stati progettati (e realizzati) in modo da assicurare la continuità delle travi principali e secondarie, in corrispondenza delle colonne e delle travi secondarie su quelle principali. Inoltre, in tali zone è stata anche inserita un'armatura metallica nella soletta collaborante dei solai.

La struttura metallica è stata costruita in un arco temporale di 8 mesi (da luglio 2006 a marzo 2007) mentre l’intera costruzione è stata completata nel giugno 2007.

La problematica antincendio
Nella progettazione di questo edificio è stata tenuta in particolare considerazione la problematica relativa all’antincendio. 
La struttura composita in acciaio e calcestruzzo, alta due o tre piani fuori terra, è una tra le più comuni nei centri commerciali come questo, poiché è particolarmente efficiente dal punto di vista strutturale ma anche esteticamente interessante, con la struttura lasciata a vista. Occorre però che tale struttura sia sicura in caso di incendio per permettere alle persone di evacuare e garantire un’adeguata sicurezza per l’intervento dei vigili del fuoco. In questi casi, occorre dunque verificare, e certificare, la resistenza della struttura nuda nelle condizioni di uso effettivo dell’edificio.

In questo caso, si è studiata l’evoluzione della temperatura prodotta dall’incendio naturale, che può essere influenzata da quantità e tipo di materiale combustibile, dalle condizioni di ventilazione e le caratteristiche geometriche del compartimento, dalle proprietà isolanti dei materiali e dalle dimensioni delle aperture.

L’analisi effettuata ha permesso di verificare due scenari, quello in cui si sviluppa un incendio locale in un ambiente di vendita, delimitato da murature con relative aperture, e un incendio generale, esteso a tutta la superficie del piano, che si sviluppa a partire dall’incendio locale di cui sopra per estensione incontrollata.
Sono state così calcolate le evoluzioni delle temperature dell’ambiente e dei materiali, al fine di determinarne le caratteristiche di resistenza.

Si è così potuto verificare che le soluzioni strutturali adottate adempivano alle prescrizioni della normativa per la sicurezza antincendio, rispondendo  in modo adeguato alle sollecitazioni, anche a livello strutturale, che un incendio comporta.

Crediti:
Architetti: K.Maratheftis & K. Yiannouris – Architects Engineers – Nicosia
              Design Architect: Konstantinos Maratheftis
              Project Architect: Pavlina Kalatha
Ingegneria strutturale: Ing. Gian Carlo Giuliani - Redesco Srl
                                   Konstantinos Yiannouris, Eng.
Ingegneria Elettromeccanica: Elioforou & Zinieris Meltec
Impresa di Costruzione: Vert & Blanc - Cipro
Anno di Costruzione: 2007
Superficie: 22000 mq
Importo dei lavori: costo del telaio in acciaio 4.720.000 Euro
                           costo totale della costruzione 23.000.000 Euro

Powered by aware