Contact
Subscribe to our newsleter
Free Design Software
rfq rfq

Casi studio con travi IFB


  Edificio multifunzionale Area 22 a Rovereto

Travi IFB

DESCRIZIONE

Le travi IFB (Integrated Floor Beam) sono fabbricate utilizzando profilati laminati a caldo ed una lamiera saldata.

Presentano una flangia inferiore (di larghezza compresa tra 28 e 51 centimetri) che funge da appoggio per i pannelli del solaio.

Queste travi vengono proposte con luci da 5 a 8 metri per altezze effettive che vanno da 14 a 30 centimetri.

Per compensare il carico permanente, è possibile imprimere una controfreccia alle travi.

Queste possono essere impiegate anche come travi miste mediante saldatura di connettori sull’ala superiore.

Questa soluzione fa concorrere alla flessione il cemento aggiuntivo gettato sui pannelli e accresce rigidità e robustezza del sistema.

Per una orditura rettangolare, l’asse delle travi coincide generalmente con la luce minima.

Le travi di bordo possono essere parzialmente o totalmente integrate al solaio.

A tale scopo è necessario prevedere alcuni tiranti di ancoraggio e posizionare una serie di puntellidi sostegno durante il montaggio, per ovviare ai fenomeni di torsione.

In alternativa, è possibile un più economico utilizzo di travi classiche in linea d’imposta sotto il pannello.


  Guida tecnica: Soluzioni di solaio SLIMFLOOR

QUALITÁ E CARATTERISTICHE DEGLI ACCIAI

Acciai con marchio di fabbrica HISTAR® E FRITENAR®

Gli acciai di marchio HISTAR® E FRITENAR® rispondono a tutti gli standard applicativi degli acciai strutturali, offrendo però prestazioni e caratteristiche supplementari. Essi, infatti, sono caratterizzati da un basso contenuto di leganti che permette di combinare resistenza, buona tenacità e saldabilità migliorata.

Gli acciai HISTAR® sono disponibili con un limite elastico di 355 MPa e 460 MPa, mentre gli acciai FRITENAR® sono disponibili con un limite elastico di 355 MPa.

L’applicazione del nuovo trattamento termico innovativo "in-line" QST (Quenching and Self-Tempering = bonifica e autorivenimento) consente, diversamente dalle qualità standard, di sfruttare per tutti i tipi di HISTAR® dei valori garantiti migliorati dei limiti di snervamento su tutta la gamma dei prodotti.

Un confronto tra i tipi di HISTAR® e i tipi convenzionali è evidenziato nel diagramma 1. Gli acciai HISTAR® vengono forniti con laminazione termomeccanica, come specificato nella norma EN 10025-4: 2004.


Diagramma 1 - Snervamento minimo secondo lo spessore del materiale

Le sezioni di acciaio FRITENAR® sono disponibili previo accordo. La tipologia HISTAR® è disponibile solo per le sezioni contrassegnate con HI.

La tavola allegata mostra le caratteristiche dei tipi HISTAR® e FRITENAR® disponibili. Informazioni più particolareggiate per questi acciai sono disponibili su richiesta.

  Acciai Histar®: caratteristiche tecniche e applicazioni
  TAVOLA ACCIAI HISTAR® E FRITENAR®

Acciai per strutture marine

Gli acciai HISTAR® Offshore e FRITENAR® Offshore sono acciai strutturali sviluppati espressamente per strutture  marine. Rispetto agli acciai di marca HISTAR® e FRITENAR® quelli per applicazioni offshore offrono le seguenti caratteristiche addizionali:
• qualità migliori di deformazione, nel senso dello spessore, in rispetto della resistenza alla lacerazione lamellare, o sfogliatura (qualità Z)
• proprietà di resilienza in direzione trasversale
• massimo rapporto tra snervamento e resistenza alla trazione.
Le qualità disponibili, le loro caratteristiche meccaniche e la loro composizione chimica sono evidenziate nelle tavole allegate.

Informazioni tecniche più dettagliate per HISTAR® Offshore e FRITENAR® Offshore sono disponibili su richiesta

  CARATTERISTICHE E COMPOSIZIONE ACCIAI PER STRUTTURE MARINE

Sistema di designazione degli acciai

La norma europea EN 10027-1: 2005 definisce il sistema di designazione degli acciai. I simboli per gli acciai strutturali sono illustrati nella tavola 1.

  TAV. 1 - DESIGNAZIONI TIPICHE DEGLI ACCIAI STRUTTURALI

Acciai strutturali

Gli acciai disponibili, secondo le norme europee, americane e giapponesi, sono illustrati nelle tavole allegate. Tali tavole riassuntive mostrano i requisiti principali richiesti dalla normativa circa le caratteristiche meccaniche e la composizione chimica delle qualità di acciaio. Altre qualità sono disponibili a richiesta.

  TAV. 2 - TAVOLA COMPARATIVA DELLE QUALITÁ DI ACCIAIO

La tavola 3, invece, mostra una lista di designazioni corrispondenti tra le norme europee ed i tipi HISTAR®, con gli standard americani, canadesi, giapponesi e i vecchi standard nazionali europei.

  TAV. 3 - ACCIAI STRUTTURALI, DA BONIFICA E TEMPRA, DA CEMENTAZIONE
  TAV. 4 - TIPI DI ACCIAIO IN CONFORMITÁ ALLE NORME AMERICANE E E GIAPPONESI

Gli acciai vengono normalmente forniti con un contenuto di Si compreso tra 0,14% e 0,25% e pertanto sono in grado di formare uno strato di zinco durante il processo di zincatura a caldo per immersione (diagramma 1). Dato che il contenuto di fosforo in questi acciai è  normalmente inferiore a 0,035%, esso non influirà minimamente sullo spessore finale del rivestimento.


Diagramma 1 - Spessore del rivestimento di zinco in funzione di diversi parametri

Le caratteristiche meccaniche dei Profili ArcelorMittal sono ottimizzate grazie a un controllo preciso della temperatura durante il processo di laminazione.

Gli acciai prodotti tramite laminazione termomeccanica (condizioni di fornitura M), se confrontati con gli acciai normalizzati, evidenziano migliorati valori di resilienza grazie a bassi valori di carbone equivalente ed a una microstruttura di grano fine.

Per quanto riguarda le loro caratteristiche tecniche, gli acciai laminati a caldo hanno buone caratteristiche di formatura a freddo. Similmente agli acciai strutturali normali, possono essere raddrizzati a fiamma sempre che le specifiche massime di temperatura non vengano superate.

Nel caso si vogliano ridurre le tensioni residue, si devono tenere presenti gli usuali range di temperatura e tempi di riscaldamento, secondo le raccomandazioni abituali. La formatura a caldo, insolita nella produzione di profilati, non deve essere applicata in osservanza della norma EN 10025:2004.

Powered by aware