Contact
Subscribe to our newsleter
Free Design Software
rfq rfq

Travi SFB

DESCRIZIONE

Le travi SFB (Slim Floor Beam), sono fabbricate utilizzando profilati laminati a caldo ed una lamiera saldata.

Presentano una flangia inferiore (di larghezza compresa tra 28 e 51 centimetri) che funge da appoggio per i pannelli del solaio.

Queste travi vengono proposte con luci da 5 a 8 metri per altezze effettive che vanno da 14 a 30 centimetri.

Per compensare il carico permanente, è possibile imprimere una controfreccia alle travi.

Queste possono essere impiegate anche come travi miste mediante saldatura di connettori sull’ala superiore.

Questa soluzione fa concorrere alla flessione il cemento aggiuntivo gettato sui pannelli e accresce rigidità e robustezza del sistema.

Per una orditura rettangolare, l’asse delle travi coincide generalmente con la luce minima.

Le travi di bordo possono essere parzialmente o totalmente integrate al solaio.

A tale scopo è necessario prevedere alcuni tiranti di ancoraggio e posizionare una serie di puntellidi sostegno durante il montaggio, per ovviare ai fenomeni di torsione.

In alternativa, è possibile un più economico utilizzo di travi classiche in linea d’imposta sotto il pannello.


SLIM FLOOR 

Sviluppato e proposto dal gruppo ArcelorMittal, il sistema di solai a spessore ridotto “Slim Floor” rappresenta una soluzione innovativa, rapida ed economica, che consiste nell’impiego di travi in acciaio unitamente a pannelli prefabbricati in calcestruzzo.


Questo sistema a pannelli poggia su travi particolari, dotate di un’ala inferiore più ampia rispetto all’ala superiore.


Questa configurazione permette di alloggiare i pannelli di solaio direttamente sulla flangia inferiore della trave, realizzando così un solaio costituito da questi due componenti.


Appositamente studiata per eliminare le linee d’imposta all’altezza dei solai, questa combinazione affidabile ed economica dicomponenti prefabbricati offre agli architetti nuove possibilità di espressione, nonché una garanzia di risparmio sui costi per luci fino ad 8 metri.


Le altezze ridotte del pannello ed il vantaggio di una buona resistenza al fuoco insita nel sistema costruttivo garantiscono la massima libertà di creazione.


Una possibile variante al pannello in calcestruzzo prevede l’utilizzo di un solaio su lamiera in acciaio Cofradal® 200.

  Guida tecnica: Soluzioni di solaio SLIMFLOOR

VANTAGGI 

Applicato con successo da ormai vent'anni nei paesi scandinavi, il sistema "Slim floor" ottimizza il volume utile del fabbricato ed offre numerosi vantaggi.

1. Riduzione dello spessore del solaio
Questo sistema dà una riduzione dello spessore totale del solaio, fra i 25 e i 40 centimetri, secondo la struttura. A seconda dei vincoli progettuali, ciò consente una maggiore altezza sotto ilsoffitto, l'inserimento di piani aggiuntivi oppure una riduzione dell'altezza totale del fabbricato, soprattutto per motivilegati ai criteri di urbanistica (per esempio per costruzioni molto alte). Questa flessibilità in elevato consente una certa libertà di movimento nella progettazione della facciata e del tetto, oltre ad un sicuro risparmio.

2. Realizzazione di solai a spessore variabile
Nel caso di luci particolarmente difformi sui due lati di una trave, si riscontrano spessori di solaio che talora sfiorano e superano i 10 centimetri. In simili situazioni, la trave "Slim floor" offre una soluzione pratica ed elegante per gestire l'interfaccia tra i 2 solai.

3. Integrazione sotto pannello delle attrezzature tecniche
L'assenza di linee di imposta facilita la sistemazione sotto pannello delle attrezzature tecniche (climatizzazione, condutture, reti elettriche e informatiche, ecc.) esemplifica la posa dei controsoffitti. I lati inferiori dei pannelli prefabbricati possono inoltre restare a vista sul soffitto, a condizione che vengano assunte alcune particolari precauzioni in fase di prefabbricazione e di movimentazione.

4. Volume libero dei piani
Le caratteristiche strutturali dei componenti – fino a 8 metri di luce per le travi in acciaio e fino a 10 o 12 metri per i pannelli – permettono la creazione di piani aperti, con pochi pilastri intermedi. Gli spazi possono quindi essere liberamente ridisposti in funzione delle esigenze di natura estetica e funzionale che si evolvono nel tempo.

5. Creazione di aree di passaggio verticali
Alcune aperture possono essere predisposte fin dall’inizio nei solai prefabbricati, a seconda delle possibilità offerte dai produttori dei pannelli. In un pannello gettato in opera, è possibile ricavare una riserva prima della gettata di cemento oppure procedere alla foratura in una fase successiva.

6. Resistenza al fuoco insita nei materiali
L’integrazione delle anime e delle ali superiori delle travi all’interno dello spessore dei pannelli di calcestruzzo assicura una protezione della struttura che il più delle volte è sufficiente per garantire la conformità ai requisiti normativi, senza dover necessariamente ricorrere ad una protezione apposita.

7. Prezzi competitivi
La quantità di acciaio al metro quadro di solaio è relativamente contenuta (in genere, da 15 a 25 kg/m2 per travi con orditura da 5 a 7,50 metri). I pannelli alveolari sono facilmente reperibili sul mercato a prezzi già competitivi. Questa combinazione fa sì che il costo globale risulti decisamente competitivo nella gamma dei valori di luce assicurata dal sistema.

8. Facilità di montaggio
Il montaggio semplice e rapido dei componenti prefabbricati è sostanzialmente svincolato dalla variabilità delle condizioni atmosferiche. Questo agevola il rispetto delle scadenze di cantiere e la riduzione dei costi di posa in opera.

9. Un costruzione attenta all’ambiente
La struttura metallica è completamente riciclabile e riduce il numero di viaggi necessari al cantiere ed i disagi legati ad esso.

10. Alleggerimento delle strutture
La struttura metallica è composta da elementi più leggeri rispetto ai componenti dei solai in calcestruzzo. In caso di utilizzo di un solaio portante misto (tipo Cofradal® 200) il peso proprio degli elementi del solaio si riduce a 220kg/m2.


Caratteristiche e dimensioni:

Condizioni di superficie: secondo EN 10163-3: 2004, classe C, sottoclasse 1

  ANNOTAZIONI E FORMULE

CONDIZIONI DI FORNITURA

Tolleranze di laminazione

Le tolleranze di laminazione usuali relative a dimensioni, forma, peso e lunghezza sono evidenziate nelle tabelle allegate. Tolleranze specifiche possono essere ridotte previo accordo.

  TOLLERANZE DI LAMINAZIONE

Per ulteriori informazioni su ordini minimi, condizioni di consegna, modalità di consegna e altri approfondimenti, consultare le condizioni di vendita sul sito  ArcelorMittal Commercial Section:

  Condizioni di vendita - ArcelorMittal Commercial Sections Italia
Powered by aware